Come scegliere il materasso

SCELTA DEL MATERASSO

Non esistono regole che dicano come scegliere il materasso e quali standard rispettare. La scelta del materasso deve essere fatta in base alla persona e alla sua corporatura.

Per farlo è importante provare sempre un materasso ancor prima di acquistarlo.

Dal punto di vista ergonomico, un buon materasso deve sostenere la colonna vertebrale nella sua conformazione naturale, reagire sotto il peso del corpo, ma recuperare la forma non appena ci si alza. Se troppo rigido crea punti di pressione, se troppo morbido non sostiene a sufficienza: il corpo a contatto con la superficie del materasso deve sempre sentirsi ben sostenuto e assecondato.

Peso e altezza sono fattori importanti che vanno attentamente valutati al momento di scegliere la struttura interna del materasso e il suo grado di rigidità. Da recenti studi è stato accertato che nelle persone di “piccola taglia” la sensazione di comodità è legata allo strato superficiale del materasso: così chi è più leggero dovrà scegliere un supporto più elastico. Chi invece ha un peso maggiore o è più alto, tende a “sprofondare” maggiormente: il materasso dovrà essere allora meno elastico e più rigido.

Alla luce di queste considerazioni, nella scelta del materasso matrimoniale, se i partner hanno una taglia e un peso considerevolmente diversi, è meglio preferire due materassi singoli, più adeguati alle differenti corporature.

COME SCEGLIERE IL MATERASSO GIUSTO: L’IMPORTANZA DEL SONNO

Prima di scegliere il materasso giusto occorre imparare a dormire. Sembra strano, eppure non tutti riusciamo a dormire in maniera corretta ed efficace. Il sonno, infatti, va educato, specie se alla base ci sono abitudini non corrette e situazioni di malessere. Vi è una serie di semplici regole che, se rispettate, possono assicurare un riposo notturno migliore e più duraturo; mantenere un orario di sonno regolare; rispettare gli orari dei pasti e non cenare troppo tardi la sera (si ritarda il sonno a causa della digestione).

Allo stesso modo un cattivo sonno comporta gli effetti contrari: sovraccarica di tensioni l’apparato osseo o muscolare, ostacola la rigenerazione dei tessuti, affatica il metabolismo e finisce per impedire quel naturale stato di serenità e leggerezza mentale che accompagna invece ogni buon risveglio. L’insonnia poi è davvero il male peggiore, può essere causata dall’utilizzo di supporti non adatti o deformati. Per ottenere il risultato di un buon sonno, bisogna che siano assicurate alcune irrinunciabili condizioni, come un ambiente confortevole e soprattutto un materasso adeguato: stabile ed ergonomico, morbido, elastico, igienico e anallergico, termoregolatore e traspirante. Naturalmente aiuta molto anche la tranquillità o la serenità, l’attività fisica e una corretta alimentazione.

COME SCEGLIERE IL MATERASSO GIUSTO: ALCUNI CONSIGLI

Le diverse tipologie offrono gradi diversi di sostegno. Scegliere il materasso giusto è possibile se si considerano le proprie caratteristiche di comfort, quindi l’affondamento, l’accoglimento e la risposta elastica. I dati relativi a questi parametri sono risultati attraverso dei test e indicati sull’etichetta del prodotto. E’ bene però che questi vengano sempre confrontati con le proprie richieste. Il materasso giusto è quello che maggiormente rispetta la naturale conformazione a “S” della colonna vertebrale. Il lattice è il materiale più adatto perché si conforma e permette ai muscoli, quindi a tutto il nostro corpo, di avere un completo rilassamento. Il Memory Form, grazie al calore umano, si adatta al corpo e mantiene la forma dell’organismo stesso permettendo anche in questo caso un ottimo rilassamento. Per chi invece preferisce altri materiali e un’ottima alternativa è rappresentata dal materasso a molle insacchettate.

Ogni molla è indipendente e agisce solo se sollecitata adattandosi alla linea del nostro corpo. Per chi desidera un materasso rigido e ortopedico, consigliamo un materasso a molle in acciaio. Il Memory Form è una schiuma di viscosa elastica che ha la capacità di comprimersi per poi lentamente tornare alla forma originale. Applicando questa caratteristica al piano di riposo si ottiene un materasso progettato per aggiustarsi automaticamente al peso e alla temperatura corporea offrendo un completo e confortevole supporto che ci aiuta a riposare meglio, agevolando inoltre la circolazione sanguigna. Questo materasso permette una più efficace circolazione d’aria tra corpo e piano riposo, eliminando fastidiosi problemi di caldo e sudore.

COME SCEGLIERE IL MATERASSO GIUSTO: OGNI QUANTO BISOGNA CAMBIARLO?

Il materasso dovrebbe essere cambiato ogni 7 anni circa. Sia per l’usura dei materiali, sia per ragioni igieniche e batteriologiche. Ci sono però alcune garanzie più lunghe che possono arrivare anche a 10 anni.

COME SCEGLIERE IL MATERASSO GIUSTO IN CASO DI ALLERGIE

In questo caso sono consigliati i materassi e cuscini in lattice, in Memory Form o materassi con trattamento anti-acaro, con rivestimento sfoderabile per poterlo lavare frequentemente.

MANUTENZIONE

Nei primi 3 mesi, il materasso andrebbe girato testa/piedi e sopra/sotto per due volte al mese per consentirne l’assestamento equilibrato. I materassi non vanno arrotolati né piegati per non danneggiare gli strati interni. Il materasso non va mai bagnato né pulito con elettrodomestici a vapore per non creare negli strati interni condizioni favorevoli alla proliferazione di acari. Se si tratta di un modello sfoderabile, il rivestimento può essere rimosso e lavato in lavatrice o in tintoria.

Contattaci